In Canada il DON è di casa. Miscelarlo è prassi solo per grano foraggero?

Il Don è un problema serio in Canada, con cui gli agricoltori devono fare i conti. La tecnica di miscelare grani con alti livelli di Don con grani con bassi livelli di Don dovrebbe essere utilizzata esclusivamente per vendere il mix in ambito foraggero, sia canadese che all'estero. Ma il condizionale è d'obbligo. Secondo quanto riportato dall'articolo del giornale online canadese, alcuni compratori esteri accettano chicchi di cereali da foraggio con un livello di presenza massimo di DON del 5%. 

Vendere grano duro con alti livelli di micotossine non è né una pratica di mercato gradevole, da parte dei cerealicoltori della regione canadese del Saskatchewan, né la più redditizia. Ciononostante, con la semina primaverile in corso, è bello sapere che i contenitori sono stati del tutto svuotati e che è stata trovata una casa per i chicchi contenenti alti livelli di deossinivalenolo (DON), dato che occupano uno spazio di immagazzinamento considerevole.

Di fatto, Jason Skinner, manager della North West Terminal (NWT) a Unity, nel Saskatchewan, ha affermato che si sono create delle buone opportunità di commercializzazione per i cereali mietuti in primavera e per i chicchi con alte concentrazioni di DON. La NWT ha infatti preso in carico le consegne di grano duro con alti livelli di DON ed ha iniziato a mescolarle con i cereali raccolti durante la primavera, ed il risultato del mix sarà poi venduto sia dentro i confini canadesi che al di fuori di essi, a vari esportatori stranieri.

Quando si parla dei livelli di concentrazione delle micotossine, dobbiamo giustamente essere flessibili ed elastici” ha dichiarato Skinner: “Abbiamo ricevuto un bel po’ di grano rosso primaverile, mietuto proprio qui (nei dintorni di Unity) durante questa stagione, il quale tende ad avere dosi davvero basse di micotossine… Per questa ragione, abbiamo l’opportunità di consegnare, nelle aree dove non sono proibiti gli alti livelli di micotossine contenute nel grano duro, un mix ottenuto dall’unione tra il grano rosso a bassa concentrazione di micotossine e quello duro, così poi da destinarlo ai vari mercati domestici ed esteri del foraggio.”

All’inizio del 2017 gli agricoltori della zona di Unity sono stati costretti a non mietere un numero significativo di acri di terreno, ben più elevato rispetto allo scorso anno e, effettivamente, la Saskatchewan Crop Insurance Corporation, la compagnia di assicurazioni dei coltivatori della regione, ha recentemente pubblicato una mappa, tramite la quale ha effettuato una stima del numero di acri non mietuti in ciascuna municipalità del Saskatchewan, e ha scoperto che la più alta concentrazione si condensa tutta nell’area che si estende da Kindersley e Biggar a sud, attraverso le zone di Kerrobert e Luseland, fino a Unity a nord.

Skinner ha però affermato che il raccolto di grano primaverile nei dintorni di Unity sarà ingente quest’anno: “Generalmente, nella nostra regione le concentrazioni di DON sono sempre state molto basse.” Ha aggiunto: “Infatti il deossinivalenolo non è mai stato un problema, e poi il raccolto mietuto durante questa primavera sarà tutto destinato ai mercati del foraggio… Ragion per cui, in questa zona avremo un alto quantitativo di quello che io chiamo grano da foraggio di buona qualità.”

Tuttavia, i livelli di DON erano piuttosto elevati lo scorso anno.

Attraverso la miscelazione, il grano mietuto in primavera con bassi livelli di micotossine fornirà uno sbocco commerciale per alcuni cereali con alte concentrazioni di deossinivalenolo che altrimenti sarebbero stati difficili da piazzare sul mercato.

Skinner ha infine concluso dicendo che alcuni compratori esteri accetteranno chicchi di cereali da foraggio con un livello di presenza massimo di DON del 5%, anche se il livello massimo consentito dipende in gran parte dal tipo di bestiame al quale sono destinati: in genere, i suini sono i più sensibili al deossinivalenolo, mentre i bovini ed il pollame da macello lo tollerano meglio.

Fonte: http://www.producer.com/2017/05/spring-harvest-creates-blending-opportunity/#.WQ6-R2MrN6w.twitter




Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.