L' altra modalità di rappresentare la gente

Latronico (DI) interroga il Ministro su tutela della qualità del grano

C'è modo e modo di essere parlamentare. Stefàno, dalla parte delle industrie, interroga il Ministro per mettere il bavaglio all' associazione GranoSalus. Latronico, dalla parte dei consumatori e produttori, interroga il Ministro per dare ascolto all'allarme lanciato da GranoSalus. 

“ L’Italia è il principale produttore europeo di grano duro destinato alla pasta con quasi 5 milioni di tonnellate su una superficie coltivata pari a circa 2,5 milioni di ettari, di cui 140 mila ettari in Basilicata con diecimila aziende – scrive Latronico nell' interrogazione a risposta orale – ma da alcuni anni il settore agricolo si trova a combattere una battaglia contro il crollo dei prezzi del grano italiano che ha causato agli agricoltori perdite per circa 700 milioni di euro”.

Il parlamentare fa notare, inoltre, che “ il made in Italy agroalimentare è il più copiato e contraffatto al mondo e, nonostante il settore agricolo confermi le sue enormi potenzialità, esso deve affrontare e contrastare la pressione delle distorsioni di filiera e il flusso delle importazioni selvagge dall’estero che fanno concorrenza sleale alla produzione nazionale”.

"Nei porti italiani - evidenzia Latronico - continuano a giungere navi importatrici di grano da tutto il mondo con pochissimi controlli sanitari che oltre a contribuire alla diminuzione del prezzo creano anche problemi di tracciabilità e salubrità del prodotto importato".

A giudizio del deputato “ è necessario mettere in atto misure che tutelino sia i produttori che i consumatori per poter restituire un futuro al grano italiano con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine della materia prima utilizzata nella pasta e nei derivati/trasformati; l’indicazione della data di raccolta”.

Di qui la richiesta al ministro per sapere “ quali iniziative intenda assumere per intensificare i controlli fitosanitari sulle importazioni dall’estero, dove sono utilizzati prodotti e fitosanitari vietati da anni in Italia ed in Europa, per una maggiore tutela della salute dei consumatori e se intenda attivarsi per accelerare l’introduzione dell’obbligo di indicare in etichetta l’origine della materia prima anche per la filiera grano-pasta, al fine di dare maggiore trasparenza alle informazioni per il consumatore, di tutelare i produttori e di rafforzare i rapporti di una filiera strategica per il made in Italy agroalimentare”.

Ecco il pdf dell' Interrogazione su Tutela Grano di Qualità

Perché sostenere GranoSalus nel certificare la qualità della pasta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.